Tromboflebite di Mondor – Antonio Corvasce – Andrologia Puglia

Tromboflebite nel pene

    Trombosi vena alla base del pene In concomitanza con un lavoro che mi ha obbligato ad una lunga esposizione al sole per tre giorni di fila in giorni di caldo molto intenso dovendo sostenere anche una posizione in piedi prolungata spesso da fermoho avuto un episodio di forte vasodilatazione venosa.

    tromboflebite nel pene

    La sera dopo il primo giorno mi sono ritrovato con le vene delle tempie e delle gambe molto gonfie e le gambe affaticate e calde. Al terzo giorno ho avvertito un dolore acuto all'inguine poco sopra il pene.

    tromboflebite nel pene

    Inizialmente mi sono fatto vedere dal medico di famiglia il quale ha notato una vena gonfia localizzata nel punto dolente. Mi ha prescritto un integratore di flavonidi. Dopo qualche giorno,preciso il fatto che ho toccato il punto più volte come reazione al fastidio, ho iniziato a sentire un vero e proprio cordone duro.

    Questo sito utilizza cookie di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione. I cookies permettono ai siti Web di conservare e recuperare informazioni sulle abitudini di navigazione dell'utente su un sito o sul dispositivo utilizzato, e in base a queste informazioni, di riconoscerlo. Tuttavia, i dati ottenuti sono protetti. Riguardano soltanto il numero delle pagine visitate, la città in cui è localizzato l'IP della connessione al sito Web, la frequenza e la ricorrenza delle visite, la durata delle visite, il browser utilizzato, l'ISP o il tipo di terminale da cui è partita l'operazione. Dati come nome, cognome o indirizzo postale della connessione non vengono raccolti.

    Da tromboflebite nel pene è risultata una trombosi completa della vena dorsale del pene nel punto in cui ancora non ha raggiunto quest'ultimo diciamo proprio ai limite dell'organo poco a destra. Tutto il resto dell'ecodoppler eseguito sull'area tromboflebite nel pene e sui testicoli è regolare no varicocele né alcuna anomalia di sorta Essendo tutte le altre vene dei "dintorni" in perfetto stato safena inclusadopo prescrizione di terapia con eparina, è stata consigliata visita urologica per indagare eventuali problematiche locali Oggi ho effettuato la visita, ma l'urologo non ha rilevato nulla affermando che il problema è angiologico.

    tromboflebite nel pene

    Nel frattempo segnalo che da giorni a seguito di un rapporto mi si è visibilmente gonfiata anche un'altra vena dorsale a sinistra del pene molto superficiale. E tale gonfiore mi arreca fastidio e senso di pesantezza in posizione eretta.

    tromboflebite nel pene

    A questo punto mi trovo in una situazione non chiara e avrei alcune domande da porvi: 1- E' possibile che si tratti della sindrome di Mondor. L'urologo che mi ha visitato oggi mi sembrava ignorare completamente questa possibilità- 2- E' possibile che una trombosi completa possa guarire e la vena tornare prima o poi ad essere pervia?

    Se una vena alla sua base che temo essere la dorsale profonda va in trombosi il deflusso è comunque garantito agevolmente o si rischia una maggiore difficoltà? Tromboflebite nel pene gonfiore della dorsale superficiale mi fa pensare ad una situazione di "sofferenza " del circolo venoso del pene.

    tromboflebite nel pene

    Ringrazio sin da ora per l'attenzione e la disponibilità medico.